Sections

Questo sito fa uso di cookie, i cookie consentono una gamma di funzionalità che migliorano la tua fruizione del sito. Utilizzando il sito, verrà accettato l'uso dei cookie in conformità con le nostre linee guida. Per saperne di più clicca qui.

Arabesk: Storia di una Sedia

Share

Volentieri pubblichiamo un testo autografo di Folke Jansson, che racconta la storia della sua Arabesk

Arabesk: Storia di una Sedia

Era la metà degli anni Cinquanta, da tempo ero alla ricerca di una sedia imbottita o di una poltrona. Ma non trovavo nulla che mi convincesse, solo oggetti squadrati e combinazioni di elementi lineari. Era quello lo stile Svedese. A quanto pare, l'unica possibilità di avere la sedia che desideravo era cercare di modellarla. Avendo praticato come intagliatore per un anno, avevo sviluppato una buona padronanza delle forme tridimensionali. Pieno di fiducia, ho iniziato a fare schizzi, ma finivano cestinati foglio dopo foglio. Non era facile ottenere una forma tridimensionale. Poi mi sono concentrato sulla continuita’ di una linea. L’ho lavorata fino a farla diventare una superficie curvilinea con la quale disegnare l'intera sedia. Ce la mettevo tutta, gli schizzi erano il mio campo di battaglia, ma ben presto divenne chiaro che sarebbe stato difficile spiegare a un produttore le mie intenzioni con degli schizzi, e quindi ho costruito un modello in argilla. Ora non restava che trovare qualcuno che volesse, e potesse, produrla. C'era un produttore di mobili in città, realizzava mobili in stile, ma rappresentava la mia unica risorsa. Così ho preso il mio piccolo modello in creta e sono andato ad incontrare il direttore di Wincrantz. Dopo un attento esame, il suo commento è stato: "ok, la facciamo!".

Naturalmente lui mi chiede un disegno, ma tracciare un mobile che non aveva una linea retta e senza angoli su cui costruire le proiezioni sembrava quasi impossibile. L'unica soluzione era quella di costruire un modello in scala, un falegname avrebbe potuto costruirne il telaio. Usando cartapesta e rete da pollame ho sagomato la sedia. E è diventato un prototipo moplto pesante, ma era sufficiente a mostrare la forma finita a un artigiano che conoscevo, competente e permaloso, che costruiva case. Dopo la realizzazione del telaio, sono passato alla tappezzeria. Ed ecco infine Arabesk stabilmente poggiata sulle sue tre gambe!

"Dovremmo presentarla in fiera!"

 ARABESK HISTORIC

Arabesk, Wincrantz, 1955

Per me è stato abbastanza sorprendente. Avevo solo pensato che sarebbe stato divertente avere un paio di esemplari ma era il momento di fare una scommessa piu’ grande: il Salone del Mobile del 1955 di Göteborg. Ho collaborato a preparare l'esposizione e poi mi sono ritirato a casa, aspettandomi reazioni violente sulla mia piccola creazione. E invece……. "Bomba atomica al Salone del Mobile!" - "Arabesk, l'unica cosa da ricordare", ecc. Anche dall'estero ci fu grande interesse. Quando ho visitato la fiera il giorno dopo l’apertura, ho avuto grandi riconoscimenti, fotografi in quantità e celebrità immortalate sulla mia poltrona. Dopo il suo lancio, l’interesse per Arabesk si e’ registrato piu' in Europa che in Svezia, ma la sua distribuizione si e’ presto arrestata.

Negli anni '70, il Vitra Design Museum ha acquistato la sedia ad un'asta di design a Parigi, e l’ha inserita nella collezione, dove fino ad allora la Svezia era rappresentata solo da Bruno Mathsson. Ne sono venuto a conoscenza per caso, ma era chiaro che la piccola sedia aveva attirato molta attenzione ed era stata esibita in diverse mostre in Europa, e pubblicata in riviste e libri.  Tutto questo senza che io ne fossi informato, perché nessuno sapeva chi era il suo progettista. Gli Interior designer che in Svezia scoprivano Arabesk suggerivano che fosse rimessa in produzione. Ora i tempi erano maturi?

Iniziammo a cercare una sedia originale che potesse essere utilizzata come prototipo, e finalmente ne ottenemmo una: era da riparare e naturalmente aveva l’imbottitura del 1955, gommapiuma naturale, che si auto-estingueva rapidamente rilasciando una polvere farinosa. Il corpo era in legno massello.

Si trattava solo di trovare il produttore giusto!

[Folke Jansson]

 

 Arabesk, Collectors Edition, Matrix International, 2014

Folke Jansson e' mancato recentemente nella sua casa in Svezia. Maestro scultore, pittore e ceramista, Matrix deve molto alla collaborazione con questa figura straordinaria che ha progettato una tra le poltrone più rappresentative del XX secolo. Arabesk rimarrà per sempre giovane, un'eredità vivente del lavoro creativo di Folke Jansson. Matrix International detiene i diritti mondiali di produzione e distribuzione di Arabesk.